1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Chiusura contrastata per Wall Street

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gli indici statunitensi chiudono la seduta misti, con il Dow Jones (+0,02%) a 10.573,7 punti, lo S&P 500 (+0,05%) a 1.137,1 punti e il Nasdaq Composite (-0,33%) a 2.301,1 punti. Non hanno soddisfatto gli operatori le considerazioni contenute nei verbali dell’ultima riunione del Fomc, il braccio operativo della Federal Reserve: l’economia è sì in fase di miglioramento, ma le difficili condizioni del mercato del lavoro appesantiranno la ripresa. A conferma di queste indicazioni è arrivata, peggiore del previsto, la stima Adp sulle payrolls (-84 mila a dicembre); positivo invece il Pmi servizi, salito a 50,1 (50 punti per il consenso). Tra gli industriali ancora una seduta all’insegna dei guadagni per Ford (+3,74%), un segnale che potrebbe far presagire che la rotazione settoriale dai settori difensivi a quelli ciclici, che procede di pari passo con il miglioramento dell’economia nel complesso, è ormai in atto. Tra gli energetici, Exxon Mobil (+0,86%) e la Qatar Petroleum hanno annunciato la creazione di una joint venture (Exxon al 49%) per la costruzione di un impianto petrolchimico da 6 miliardi di dollari. +5,21% per Alcoa, favorita dalla ripresa delle quotazioni delle materie prime. Nel comparto finanziario American Express con un +1,62% ha capitalizzato l’upgrade a “outperform” arrivato da Macquarie (tp da 44 a 49 dollari).