1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Chiusura contrastata per gli indici di Wall Street

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Wall Street ha chiuso la passata ottava in territorio misto, con da un lato le tensioni che circondano il comparto finanziario e dall’altro l’entusiasmo scaturito dai conti di Google. Il Dow ha terminato in calo dello 0,29% portandosi a 11.062,78 punti, +0,2% dello S&P che sale a 1.176,19 e +1,37% del Nasdaq che si porta a 2.468,77. Giornata caratterizzata da una valanga di dati macro. Hanno aperto le danze le indicazioni migliori delle attese arrivate dall’Empire manufacturing (15,73 punti) e dalle vendite al dettaglio (+0,6% m/m); sotto le stime invece l’inflazione di settembre, salita su base mensile dello 0,1%. Hanno chiuso la settimana macro la fiducia dei consumatori calcolata dall’Università del Michigan, scesa a 67,9 punti, ed il +0,6% delle scorte delle imprese ad agosto. Ma sotto i riflettori anche il n.1 della Fed Ben Bernanke, che nel corso del suo intervento nel rimarcare che il tasso disoccupazione resta a livelli “preoccupanti” e che l’inflazione è “troppo bassa” ha confermato l’intenzione della Banca centrale di “fornire ulteriore supporto all’economia”.