1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Chiusura Borse Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Wall Street inizia il mese di settembre con il segno meno. Le indicazioni contrastanti in arrivo dal fronte macro e l’attesa per i dati relativi l’andamento del mercato del lavoro hanno spinto al ribasso i listini statunitensi, che hanno chiuso nei pressi dei minimi di giornata. Il Dow Jones ha terminato con un calo di 1 punto percentuale (-1,03%) portandosi a 11.493,57 punti, rosso dell’1,19% per lo S&P a 1.204,42 e -1,3% del Nasdaq a 2.546,04.
Particolarmente ricca l’agenda macro. In evidenza l’Ism manifatturiero, che ad agosto si è confermato sopra quota 50 punti a 50,6 punti. Sostanzialmente in linea con le stime le nuove richieste di sussidio (409 mila) e sotto le attese le spese del settore delle costruzioni, scese a luglio dell’1,3% mensile.

Tra i titoli maggiormente in evidenza -3,49% per Goldman Sachs, che secondo il Wall Street Journal avrebbe raggiunto un accordo con l’autorità di vigilanza delle banche di New York per fermare il “robo-signign”, la firma in automatico dei documenti relativi i pignoramenti. Tra i finanziari debole anche Bank of New York Mellon (-0,19%) nel giorno delle dimissioni di Robert Kelly dalle cariche di Presidente, Ceo e Direttore. Cambio ai vertici anche per Costco Wholesale (+1,2%). A seguito delle dimissioni dalla carica di Amministratore delegato da parte del co-fondatore Jim Sinegal, a partire dal primo gennaio 2012 la società sarà guidata dall’attuale Presidente e COO (Chief Operating Officer) Craig Jelinek. Tra i retailers lettera su Limited Brands e Stage Stores (-1,78% e -10,41%), che ad agosto hanno registrato vendite same-store in rialzo dell’11 ed in calo dell’1,7 per cento.

Nel comparto auto -4,16% per General Motors, che ad agosto ha visto le vendite salire del 18%, e -2,43% per Ford Motor, che il mese scorso ha messo a segno un +11%.