1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Chiusura Borse Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La probabile cancellazione del referendum greco ed il taglio del costo del denaro da parte della Bce spingono al rialzo i listini statunitensi. In chiusura di seduta il Dow ha registrato un rialzo dell’1,76% a 12.044,47 punti, +1,88% per lo S&P che si porta a 1.261,15 e +2,2% del Nasdaq a 2.697,97. Giornata particolarmente ricca di indicazioni macro. Calo maggiore delle attese per le nuove richieste di sussidio, scese la scorsa settimana da 406 a 397 mila unità. Meglio delle attese anche gli ordini alle imprese (+0,3% m/m) e la produttività non agricola del terzo trimestre (+3,1% t/t). Sotto il consenso il costo del lavoro del Q3 (-2,4% t/t) e l’Ism servizi di ottobre (52,9 punti).

Dal fronte trimestrali +3,29% per Kraft, che ha alzato l’outlook sui conti 2011, +1,86% per Duke Energy, che ha chiuso il terzo trimestre con un utile di 472 milioni di dollari, e profondo rosso per Kellogg (-7,64%), che ha messo a segno un calo degli utili del 14%. Tra le altre società che hanno presentato i conti +17,94% per Estee Lauder, +6,19% di Sara Lee e -6,67% di Eastman Kodak. Oggi numerosi retailers hanno annunciato i dati relativi le vendite di ottobre. Acquisti su Gap (+4,01%), su Macy’s (+3,45%), su J.C. Penney (+2,89%) e su Dillard’s (+2,74%); segno meno per Limited Brands (-0,6%), Saks (-1,1%) e Stage Stores (-3,22%).

Tra le altre storie del giorno -2,12% per Jefferies Group, che dopo il -20% fatto segnare nei primi scambi ha emesso una nota per precisare “di non essere esposta in maniera significativa al debito sovrano dei PIIGS”, e +140,47% per Medivation in scia dei risultati positivi della sperimentazione del farmaco MDV3100, destinato alla cura del cancro alla prostata.