1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Chiusura Borse Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il comparto tecnologico ed il buon andamento dei finanziari spingono al rialzo i listini statunitensi. Il Dow Jones ha terminato in rialzo di mezzo punto percentuale (+0,51%) a 12.169,65 punti mentre lo S&P ed il Nasdaq hanno chiuso con un +0,83% portandosi rispettivamente a 1.254 ed a 2.599,45 punti. Giornata particolarmente ricca di indicazioni macro. In evidenza il calo delle nuove richieste di sussidio, che, attese in crescita a 376 mila, sono scese da 368 a 364 mila unità. Si tratta del terzo calo consecutivo e del dato migliore dall’aprile 2008. Sotto le stime invece il dato definitivo relativo la crescita economica del terzo trimestre, che dal 2% della stima precedente (e del consenso) è stata rivista all’1,8%. Per quanto riguarda le altre indicazioni macro, meglio del previsto i dati relativi la fiducia dei consumatori statunitensi (Università del Michigan, dato finale) salita a dicembre a 69,9 punti (67,7 punti per il dato preliminare) ed il superindice, che a dispetto del +0,3% del consenso ha registrato un +0,5% m/m. Segno meno invece per l’indice Fhfa (Federal Housing Finance Agency) che rileva l’andamento dei prezzi delle abitazioni statunitensi, sceso ad ottobre dello 0,2% mensile.

Tra i finanziari acquisti su Citigroup (+5,94%) e Morgan Stanley (+6,51%). Denaro anche su Bank of America (+4,59%), su JP Morgan (+3,5%) e su Goldman Sachs (+2,63%). Parità invece per il titolo Yahoo! (+0,06%) che secondo quanto riportato dal Wall Street Journal starebbe valutando un piano per ridurre dal 40 al 15% la quota detenuta nel colosso cinese dell’e-commerce Alibaba Group. Dal fronte trimestrali due velocità per Micron e per Bed Bath & Beyond (+15,7% e -6,27%). La multinazionale dei semiconduttori ha terminato il trimestre al 1° dicembre con un rosso di 187 milioni di dollari mentre il retailer ha visto gli utili salire a 228,5 milioni di dollari.

Commenti dei Lettori
News Correlate
ASTA BOND

Italia: Tesoro, martedì prossimo in asta titoli fino a 3,5 miliardi

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze nell’asta in calendario il prossimo 27 giugno collocherà CTZ e BtpEi per 3-3,5 miliardi di euro. Nel dettaglio, saranno messi sul mercato CTZ 24 mesi per 2-2,5 miliardi e BtpEi per 0,5-1 miliardo di euro.

RATING

Creval: Fitch taglia rating, outlook è negativo

Fitch Ratings ha ridotto il rating a lungo termine del Credito Valtellinese a “BB-“ da “BB” e il Viability Rating a “bb-“ da ”bb”, già posti sotto osservazione con implicazioni negative lo scorso 24 marzo. L’outlook è negativo.

MERCATI

Borse europee piatte, bancari ed energetici sotto tono

Banche ed energetici penalizzano la seduta dei listini europei. A Londra il Ftse100 ha terminato a 7.439,29 punti, -0,11%, mentre a Madrid l’Ibex si è fermato a 10.709,90, -0,29%. Incremento dello 0,15% invece per Francoforte e Parigi, salite rispet…