1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Chiusura Borse Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nonostante una chiusura in sostanziale parità, il Dow e lo S&P mettono a segno il miglior mese di gennaio dal 1997. Il primo ha terminato in calo dello 0,16% a 12.632,91 punti mentre il secondo con un -0,05% si è fermato a 1.312,41. Parità anche per il Nasdaq (+0,07%) a 2.813,84. Gli indici sono stati appesantiti dalle indicazioni peggiori delle attese arrivate dal fronte macro. La fiducia dei consumatori misurata dal Conference Board è passata da 64,8 a 61,1 punti, il Pmi è sceso di 2 punti a 60,2, e l’indice S&P Case Shiller a novembre ha messo a segno un calo del 3,7% annuo.

Tra le società che hanno presentato i conti +4,98% per Mattel, che ha evidenziato un incremento degli utili trimestrali a 370,6 milioni di dollari, e +3,54% per Tyco International (+3,54%), nonostante i profitti si siano dimezzati a 333 milioni di dollari. Tra i farmaceutici, due velocità per Eli Lilly (+1,25%) e Pfizer (-0,83%) mentre il corriere espresso Ups (-0,66%) ha registrato profitti per 725 milioni di dollari contro gli 1,03 miliardi precedenti. Vendite anche su McGraw-Hill (-0,67%) e Exxon Mobil (-2,05%). Tra le altre storie del giorno, +0,77% per Apple (+0,77%) nel giorno della nomina di John Browett, in arrivo da Dixons, alla carica di vice presidente senior del settore retail.