1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Chiusura Borse Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Terza chiusura consecutiva con il segno più per le borse statunitensi, sostenute dalle notizie in arrivo da Atene e dall’aggiornamento relativo l’andamento del mercato del lavoro. La scorsa settimana le nuove richieste di sussidio di disoccupazione sono scese da 373 a 358 mila unità. Sopra le attese invece le scorte all’ingrosso, salite a dicembre dell’1% mensile. L’incremento generalizzato della propensione al rischio è sintetizzato dall’asta di titoli trentennali il cui rendimento, al 3,24%, ha fatto registrare il valore maggiore dallo scorso settembre. Il Dow Jones ha chiuso in sostanziale parità (+0,05%) a 12.890,46 punti, +0,15% dello S&P a 1.351,95 e +0,39% del Nasdaq a 2.927,23.

Per quanto riguarda il comparto finanziario, la Federal Reserve ha raggiunto un accordo che prevede sanzioni per 5 banche statunitensi per un totale di 766,5 milioni di dollari. Le sanzioni sono state comminate a causa di “processi ed azioni -come si legge nel comunicato della Fed- poco sicuri e poco solidi nelle pratiche riguardanti mutui e pignoramenti”. I 5 istituti coinvolti sono Bank of America (+0,62%), Citigroup (-1,67%), J.P. Morgan (-1,15%), Wells Fargo (-0,16%) e Ally Financial. Per quanto riguarda le società che hanno presentato i conti trimestrali, acquisti su Visa (+3,76%) e Philip Morris International (+2,8%). La prima ha battuto le attese ed incrementato il piano di buy-back mentre il fatturato della seconda, spinto dalla domanda in arrivo dall’Asia, è salito del 9% a 7,7 miliardi di dollari. Segno meno invece per Cisco Systems (-2,1%), nonostante una crescita dell’utile a 2,2 miliardi, e profondo rosso per Groupon (-13,87%) che negli ultimi 3 mesi ha evidenziato una perdita per azione di 2 centesimi di dollaro.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Borse europee poco mosse. O’Leary ottimista sui conti di Ryanair

Borse europee in sostanziale parità in una seduta povera di spunti. In attesa delle minute dell’ultima riunione della Fed e della riunione dell’Opec, oggi è stata la volta di Mario Draghi che, nel corso di una conferenza, ha rimarcato che il contesto…

TRIMESTRALI USA

Lowe’s: conti trimestrali fanno scattare le vendite sul titolo

Tonfo per Lowe’s nel giorno dei conti. A due ore dall’avvio degli scambi il titolo del colosso del fai da te con sede a Mooresville, in North Carolina, segna un rosso del 3,74% a 79,26 dollari.

La società ha annunciato di aver chiuso gli ultimi t…

COMMODITY

Petrolio: scorte scendono più del previsto, WTI stabile a 51,4$

Nella settimana al 19 maggio le scorte di petrolio statunitensi hanno segnato un calo di 4,4 milioni di barili attestandosi a 516,3 milioni. Gli analisti avevano stimato una riduzione di 2,4 milioni di barili.

Segno meno anche per gli stock di be…