1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Chiusura Borse Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Chiusura nei pressi dei massimi di seduta per i listini a stelle e strisce. In particolare evidenza i titoli legati alle risorse di base (+2,69%) e quelli del comparto energetico (+2,09%). Il Dow ha chiuso la seduta con un +1,41% a 12.986,58 punti, +1,38% per lo S&P a 1.387,57 e +1,3% del Nasdaq che sale a 3.055,55. Particolarmente ricca di dati l’agenda macro. Il consueto dato relativo le nuove richieste di sussidio di disoccupazione ha rilevato una crescita, nella settimana al 7 aprile, di 13 mila unità a 380 mila, il livello maggiore da fine gennaio. +2,8% a/a per il Ppi di marzo mentre il dato relativo la bilancia commerciale ha fatto segnare un inatteso calo (-12%) a 46 miliardi di dollari.

Tra le storie del giorno troviamo Google (+2,37%), che dopo la chiusura di Wall Street ha presentato i numeri relativi il primo trimestre. Il colosso di Mountain View ha terminato i primi tre mesi dell’esercizio con un utile in crescita da 1,8 a 2,89 miliardi di dollari e ricavi che da 8,58 sono saliti a 10,65 miliardi. Il risultato per azione depurato delle componenti straordinarie si è attestato a 10,08 dollari, al di sopra dei 9,64 dollari pronosticati alla vigilia dagli analisti, mentre il fatturato adjusted è stato pari a 8,14 miliardi (consenso 8,1 miliardi). Sempre restando in tema di trimestrali, +1,18% per Rite Aid, nonostante gli ultimi tre mesi dell’esercizio fiscale abbiano evidenziato un rosso di 161,3 milioni di dollari. Segno più anche per AT&T (+1,28%), promossa a “overweight” da parte di JP Morgan (+1,89%), e per Hewlett-Packard (+7,22%) che secondo i dati IDC- Gartner nel primo trimestre ha registrato un incremento delle spedizioni di PC del 3% annuo.