1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Chiusura Borse Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Chiusura di seduta a due velocità per gli indici a Wall Street. Nonostante le indicazioni positive arrivate dai dati macro, gli indici, ed in special modo il comparto hi-tech, sono stati appesantiti dal -2% messo a segno da Apple (+7,26% nell’after-hours). La società di Cupertino al termine della seduta ha presentato i conti del trimestre che si è chiuso con un utile netto di 11,6 miliardi di dollari, quasi doppio rispetto ai 6 miliardi di un anno fa. Il Dow Jones ha chiuso in rialzo dello 0,58% sopra quota 13 mila punti (13.001,56), lo S&P con un +0,37% è salito a 1.371,97 ed il Nasdaq ha messo a segno la quinta seduta consecutiva con il segno meno arretrando dello 0,3% a 2.961,6.

Tra i dati macro pubblicati in giornata troviamo i prezzi delle abitazioni misurati dall’indice S&P Case Shiller, che a febbraio con un +0,2% hanno evidenziato il primo rialzo in 10 mesi, mentre l’indicatore redatto dalla Fhfa (Federal Housing Finance Agency), nello stesso mese ha segnato un +0,3% congiunturale. Meglio del previsto anche il dato relativo le vendite di nuove case, scese a marzo a 328 mila unità, e l’indice manifatturiero preparato dalla Fed di Richmond, passato da 7 a 14 punti. La fiducia dei consumatori non ha fatto segnare variazioni significative attestandosi a 69,2 punti. Sempre per quanto riguarda le trimestrali, rally per Baker Hughes (+4,8%), che nel primo trimestre ha battuto le attese sia per quanto riguarda gli utili che dal fronte del fatturato, e di Hershey (+5,96%), che ha evidenziato una crescita dei profitti del 24%. Acquisti anche su 3M (+1,56%) e United Technologies (+0,13%). Segno meno invece per Texas Instruments (-1,66%), penalizzata dall’acquisizione della National Semiconductor, per McGraw-Hill (-2,85%) e per Air Products (-4,52%). Profondo rosso infine per Netflix (-13,9%) e Symantec (-11,4%), spinte al ribasso dalla guidance. Tra le altre storie del giorno, +0,69% per Ibm che ha annunciato un innalzamento del dividendo del 13% e +0,35% per Ford, sui cui Fitch Ratings ha alzato il rating a “BBB-“.