Chiusura Borse Usa

Inviato da Flavia Scarano il Mer, 14/03/2012 - 08:58
Chiusura ai massimi di seduta per gli indici statunitensi. Grazie alle indicazioni arrivate dai dati macro ed ai risultati degli stress-test, Wall Street riesce a chiudere la seduta in ampio territorio positivo. Per la prima volta, il Dow ed il Nasdaq hanno terminato contemporaneamente sopra quota 13 mila punti (+1,68% a 13.177,68) e oltre la fatidica soglia-3.000 (+1,88% a 3.039,88, massimi dal 2000). Seduta decisamente positiva anche per lo S&P che con un +1,81% si è fermato a 1.395,95, il livello più alto dal maggio 2008. La Federal Reserve nel confermare i Fed Funds ai minimi storici (0-025%) e nel ribadire che il costo del denaro rimarrà agli attuali livelli fino all'ultima parte del 2014, ha sottolineato i miglioramenti evidenziati dalla prima economia negli ultimi mesi. Tra i dati macro, indicazioni maggiori delle attese dalle vendite al dettaglio, salite a febbraio dell'1,1% mensile, e dalle scorte delle imprese, che hanno registrato un +0,7%.

A livello di singoli titoli, rally di J.P. Morgan (+7,03%) in scia dell'innalzamento del dividendo trimestrale e della decisione di istituire un piano di buy-back da 15 miliardi di dollari. JPM fa anche parte del gruppo di banche, insieme a Bank of America (+6,26%), Morgan Stanley (+4,01%), PNC Financial (+4,1%), US Bancorp (+4,48%) e BB&T (+3,72%), che ha passato a pieni voti gli stress-test indetti dalla Banca centrale. Tra gli istituti che invece non hanno superato almeno una delle prove troviamo Citigroup (+6,3%), Ally Financial (+1,97%), MetLife (+4,72%) e SunTrust (+3,2%). Tra le altre notizie del giorno -5,29% per Urban Outfitters, spinta ribasso dai conti trimestrali, e +2,92% per Apple, che ha toccato un nuovo massimo storico a 568,2 dollari nel giorno in cui Jefferies ha alzato le stime di utile.
COMMENTA LA NOTIZIA