1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Chiusura Borse Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il calo dell’Ism servizi spinge i listini statunitensi in territorio negativo. Dopo un inizio in sostanziale parità, gli indici a Wall Street sono stati spinti al ribasso dalla contrazione registrata dall’indice Ism relativo il settore servizi, sceso ad aprile da 56 a 53,5 punti, 2 punti in meno rispetto alle attese. Il dato ha offuscato il calo da 392 a 365 mila messo a segno la scorsa settimana dalle nuove richieste di sussidio. In agenda macro anche il -0,5% t/t della produttività ed il +2% t/t del costo del lavoro nel Q1. Il Dow Jones ha chiuso in calo di mezzo punto percentuale (-0,47%) a 13.206,59 punti, -0,77% per lo S&P che ha terminato sotto quota 1.400 a 1.391,57 punti e -1,16% del Nasdaq a 3.024,3.

Tra le società che hanno presentato i conti del trimestre -2,44% per General Motors e +3,35% di Viacom. Nei primi tre mesi del 2012 la casa automobilistica ha visto scendere l’utile netto da 3,37 a 1 miliardo di dollari mentre l’utile netto rettificato di Viacom è salito a 535 milioni. Due velocità anche per Cigna (-1,03%) e per Whole Foods (+7,57%) che hanno alzato le stime sull’intero esercizio. Profondo rosso invece per Green Mountain (-47,76%) che ha tagliato la guidance sulle vendite. Tra i retailers, che hanno presentato i dati relativi le vendite di aprile, -2,77% per Costco Wholesale, -1,61% di Gap, e +0,68% per Macy’s.