1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Chiusura Borse Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le indiscrezioni arrivate dal vertice Ue permettono a Wall Street di chiudere la seduta sopra la parità. Dopo una seduta in territorio negativo il Dow ha terminato in parità (-0,05%) a 12.496,15 punti, +0,17% per lo S&P a 1.318,86 e +0,39% del Nasdaq che sale a 2.850,12 punti. I dati macro hanno ribadito il buon momento del comparto immobiliare. L’indice preparato dalla Federal Housing Finance Agency ha evidenziato a marzo una crescita dei prezzi delle abitazioni dell’1,8%, l’incremento mensile maggiore da quasi 20 anni. Indicazioni migliori delle attese sono arrivate anche dalle vendite di nuove case, salite ad aprile da 332 a 343 mila unità. Ieri a far meglio del consenso ci avevano pensato le vendite di case esistenti, passate il mese scorso da 4,47 a 4,62 milioni.

Nel comparto, segno più per Lennar (+2,9%), D.R. Horton (+1,69%), KB Home (+0,8%) e Beazer Homes (+0,78%). Acquisti anche su Toll Brothers (+2,66%) che ha chiuso il secondo trimestre fiscale con profitti per 16,9 milioni di dollari e ricavi in crescita del 17% a 373,7 milioni. Profondo rosso invece per Dell (-17,18%), che nel Q1 ha evidenziato un calo degli utili del 33%. Dell ha spinto al ribasso anche la rivale Hewlett-Packard (-3,21%) che dopo la chiusura ha annunciato i numeri del Q2. Il risultato per azione in versione adjusted ha centrato le attese attestandosi a 91 centesimi mentre i ricavi sono scesi meno del previsto a 30,7 miliardi (consenso 29,9 miliardi). Tra le altre storie del giorno, +2,72% per Bank of America che ha accettato di riacquistare un pacchetto formato da 330 milioni di dollari di prestiti ipotecari da Freddie Mac e +2,16% per Ford in scia della promozione da parte degli analisti di Moody’s a “Baa3”. Chiusura positiva per Facebook (+3,23%) che rimbalza nonostante la notizia delle azioni legali contro il social network e contro le banche che ne hanno curato la quotazione in Borsa.

Commenti dei Lettori
News Correlate
AUTO

Emissioni diesel: FCA, ci difenderemo con vigore da accuse Usa

Gli Stati Uniti hanno avviato un’azione giudiziaria nei confronti di Fiat Chrysler Automobiles (FCA) per violazione delle leggi sulle emissioni diesel.
In una nota diffusa ieri sera FCA US ha annunciato che “sta esaminando l’atto di citazione, ma è…

MACROECONOMIA

Market mover: l’agenda macro della giornata

Attenzione oggi rivolta alle banche centrali. La Bank of Canada dovrebbe annunciare la conferma del costo del denaro allo 0,5%. In serata attenzione alle minute dell’ultima riunione del Fomc, il braccio operativo della Federal Reserve. Tra le indicaz…