Chiusura Borse Usa

Inviato da Flavia Scarano il Ven, 11/05/2012 - 08:59
Nonostante un rallentamento nelle ultime battute, le borse statunitensi riescono a chiudere la seduta in parità. Un sostegno per i listini è arrivato dal lieve calo messo a segno la scorsa settimana dalle nuove richieste di sussidio, scese a 367 mila unità. Sopra le attese il deficit della bilancia commerciale, salito a marzo da 46 a 51,8 miliardi. In agenda anche l'intervento del chairman Bernanke, che ha rimarcato che nonostante "le condizioni del credito negli Stati uniti siano generalmente migliorate, in certi settori, come quello dei mutui e del real estate, rimangono difficoltose". Il Dow Jones ha chiuso la penultima seduta dell'ottava con un +0,16% a 12.855,04 punti, +0,25% dello S&P a 1.357,99 e -0,04% del Nasdaq a 2.933,64.

Tra le società che hanno presentato i conti, due velocità per Cisco Systems (-10,49%), appesantita dalla guidance, e per News Corp. (+4,85%) che ha battuto le attese ed annunciato un piano di buyback da 5 miliardi di dollari. Nel comparto finanziario -0,9% per Goldman Sachs che nel primo trimestre è tornata a scommettere su Eurolandia. In particolare evidenza il dato relativo il nostro Paese, la cui esposizione complessiva è passata in tre mesi da zero a 2,395 miliardi di dollari. Dal fronte M&A rosso di mezzo punto percentuale per Caterpillar (-0,57%), che ha ceduto il 65% di Caterpillar Logistics Services a Platinum Equity, e per FedEx (-0,55%), che ha raggiunto un accordo per acquistare la francese Tatex.
COMMENTA LA NOTIZIA