1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Chi dopo Bnl? Morgan Stanley fa 5 nomi, spiccano Capitalia e Mediobanca

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La febbre da M&A che sta attraversando il settore bancario italiano è passata stamane anche sotto la lente di Morgan Stanley che ha subito studiato i nuovi scenari che si potrebbero aprirsi per il settore dopo la mossa a sorpresa di Bnp Paribas che ha lanciato l’offensiva su Bnl. Considerando le banche italiane con oltre 1 miliardo di capitalizzazione, Morgan Stanley si è cimentata in un esercizio “puramente teorico senza nessuna implicazione” che l’ha portata a individuare alcuni possibili target per il prossimo futuro. I nomi sfornati dal broker statunitense sono cinque: Capitalia (13,7 miliardi di capitalizzazione), Carifirenze (2,9 miliardi), Mediobanca (12,5 mld), Credem (2,7 mld) e Banca Lombarda (3,9 mld). I parametri utilizzati da MS per identificare i possibili nuovi obiettivi del mercato sono stati diversi e sono andati alla ricerca dei modelli di banche che più si avvicinano al caso Bnl. L’istituto di via Veneto presentava una struttura particolare: alta frammentazione della struttura azionaria e l’assenza di fondazioni tra gli azionisti di riferimento. Le banche popolari rimangono soggetti difficilmente attaccabili a causa della peculiare legislazione che le caratterizza (voto capitario e clausola di gradimento), mentre quelle dove le fondazioni hanno una quota significativa non rappresentano un target ideale nonostante la recente riforma che ha ridotto al 30% il limite di voto concesso alle fondazioni.