1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Cessione Bnl Argentina, Bnl non getta la spugna

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’altolà del governo argentino alla cessione di Bnl Sa Buenos Aires non preoccupa Bnl, anzi si potrebbero aprire prospettive migliori secondo quanto comunicato ieri dall’istituto di via Veneto. Nel corso del lungo processo decisionale degli azionisti del Banco Hipotecario – tra i quali figura lo Stato argentino – “il miglioramento del contesto e della situazione della Bnl Argentina hanno reso non più attuali i termini e il perimetro dell’offerta originaria. Inoltre si sono create ulteriori opportunità, attualmente all’esame degli advisors, la cui eventuale definizione non potrà che essere migliorativa per Bnl”, si legge nel comunicato diffuso dall’istituto di via Veneto. Da fonti sudamericane si apprende che sarebbe Ubs a fare da advisor e al Banco Hipotecario sarebbe stato comunicato che non avrebbe più l’esclusiva per l’acquisto di Bnl Sa. L’accordo originario prevedeva un concambio in contanti di 207 milioni di dollari più una quota del 3,7% di Banco Hipotecario del valore di circa 28 milioni. Il temporeggiamento del governo argentino è stato ascritto prima all’incertezza sull’assetto azionario del gruppo bancario di via Veneto, ma poi il 21 luglio il Banco aveva precisato che “l’accordo con Bnl non è stato perfezionato perchè le condizioni originariamente previste potevano essere viziate a causa di cambiamenti in tali condizioni e nelle attività che dovevano essere acquistate”.