1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Cembre, Giovanni De Vecchi scende sotto il 2%

QUOTAZIONI Cembre
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giovanni De Vecchi, con un’operazione datata 30 settembre scorso, è sceso al di sotto della barriera rilevante del 2% in Cembre, rispetto al 2,241% risultante al 15 dicembre del 1997. Lo si apprende dagli aggiornamenti quotidiani sulle partecipazioni rilevanti pubblicati dalla Consob.

Commenti dei Lettori
News Correlate
SEMESTRALI ITALIA

Cembre: lieve calo per il fatturato semestrale, visto in aumento nel 2016

Nel primo semestre 2016 il Gruppo Cembre ha evidenziato ricavi consolidati per 62,7 milioni di euro, in calo dello 0,6% rispetto ai 63 milioni del primo semestre 2015. Sostanzialmente stabile anche il risultato operativo lordo, a 15,2 milioni (-0,3%) mentre l’utile netto di periodo è stato di 8,5 milioni, -4,9%, rispetto a un anno prima. […]

Cembre: Langfristige Investoren al 2,092% (Consob)

Investmentaktien Gesellshaft Fur Langfristige Investoren attesta la propria partecipazione nel capitale sociale di Cembre al 2,092%. La quota è detenuta in diretta proprietà. Lo comunica la Consob tramite il suo sito web, nella sezione dedicata alle partecipazioni rilevanti delle società quotate, che riporta come data dell’operazione lo scorso 15 marzo.

Cembre: stipulato atto di fusione per incorporazione di General Marking

Cembre ha stipulato l’atto di fusione per incorporazione della società interamente posseduta General Marking. L’operazione, si legge in una nota, è orientata alla razionalizzazione della struttura produttiva, organizzativa e distributiva del gruppo in Italia, in quanto tutte le attività di General Marking verranno trasferite nella sede di Cembre, trasferimento reso possibile dall’acquisizione, avvenuta nel novembre […]

Cembre: Cda approva fusione della controllata General Marking

Il Cda di Cembre ha approvato la fusione per incorporazione della controllata General Marking, nonché dall’assemblea straordinaria dell’incorporanda. Il progetto, si legge in una nota diramata dalla società, era stato approvato dagli organi amministrativi delle società lo scorso 29 agosto.