1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Cebr: nel 2012 inizia la fine dell’euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Con il 2012 inizia la fine dell’euro. La profezia è contenuta nel Forecasting Eye elaborato dal Centre for economic and business research (Cebr).

Il documento contiene le dieci previsioni per il nuovo anno tra le quali, appunto, la disgregazione della valuta unica.
Secondo gli esperti del Cebr esiste il 60 per cento di probabilità che almeno un paese, ma potrebbe essere più di uno, lasci l’euro entro la fine del 2012. Sarebbe solo il primo passo verso una disgregazione che al 99% (stima in crescita dall’80%) potrebbe arrivare entro dieci anni.

Che gli inglesi non vedano con favore l’euro è cosa nota. Un recente sondaggio condotto da Deloitte tra 94 direttori finanziari di società inglesi conferma che la possibilità di rottura è più che reale. Secondo il 37 per cento dei cfo almeno una nazione uscirà dall’euro nel 2012.

Ovviamente principale indiziata è la Grecia ma anche per l’Italia il Cebr scommette più sull’abbandono che sulla permanenza nella moneta unica. Intanto da Atene giungono conferme indirette alle ipotesi dell’istituto britannico. Il governo Papademos si prepara a difficili negoziati con la troika Ue, Bce ed Fmi per il rilascio del nuovo piano di salvataggio da 130 miliardi di euro. “Il secondo piano di aiuti deve essere firmato, altrimenti la Grecia sarà fuori dai mercati, fuori dall’euro” ha dichiarato il portavoce del governo di Atene Pantelis Kapsis.

L’uscita di un Paese dall’euro aprirebbe la porta ad altri abbandoni e provocherebbe nuovi terremoti all’interno di un comparto finanziario già provato. Arriva così la seconda previsione negativa elaborata dal Cebr per l’Europa: “Mi aspetterei di assistere al salvataggio di molte banche francesi e tedesche inguaiate dalla loro esposizione ai debiti sovrani. Alcune potrebbero essere perfino nazionalizzate” spiega Douglas McWilliams, direttore del Cebr.

Il tutto all’interno di un’economia che, tra austerità e credit crunch, non potrà che imboccare la strada della recessione. E così il Cebr suona la terza campana per l’Europa. “Prevediamo una recessione modesta o severa per le economie occidentali” si legge nel report che prosegue, “probabilmente ad esclusione degli Stati Uniti”. Il punto caldo della recessione rimane quindi ancora una volta il Vecchio continente che, secondo le stime del Cebr, dovrebbe vedere il prodotto interno lordo scendere dello 0,6% nelle previsioni migliori e del 2% in quelle peggiori.