Cattolica, sotto i 15,11 euro il titolo può accelerare al ribasso

QUOTAZIONI Cattolica Ass
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Cattolica Assicurazioni ha archiviato il 2011 facendo registrare un utile netto pari a 42 milioni di euro, in calo del 40,7% rispetto ai 70 milioni dell’anno precedente. Alla luce dei risultati resi noti quest’oggi, il Cda ha deciso di non prendere in considerazione l’ipotesi di distribuzione del dividendo, proponendo agli azionisti come contropartita l’assegnazione di una azione gratuita ogni 20 possedute. Dal punto di vista tecnico, le quotazioni del titolo sono caratterizzate da un trend ribassista di medio/lungo periodo che trova un valido riferimento grafico nella trendline discendente disegnata con i massimi del 10 febbraio e del 7 aprile 2011. In particolare, la strategicità di tale linea di tendenza è emersa prima con il ruolo di resistenza dinamica fino alla violazione al rialzo nella seduta del 6 febbraio, e poi come supporto dinamico fino ad oggi, giorno in cui le quotazioni sono tornate a scambiare momentaneamente al di sotto della stessa. Tale trendline ha accompagnato i prezzi del titolo fino a 15,4 euro, in pressione sul supporto statico posto a 15,11 euro che aveva fornito un valido sostegno in passato in occasione delle sedute del 12 e 17 luglio e del 14 settembre scorso. Il livello in questione è stato violato al ribasso il 21 novembre ed ha successivamente innescato un brusco movimento ribassista che ha portato i prezzi a toccare un minimo a 13,50 euro il 28 novembre. La sua importanza è emersa nuovamente anche in occasione del 14 marzo quando i prezzi hanno trovato un minimo in intraday proprio a 15,11 euro. Un’eventuale rottura ribassista potrebbe portare nuove vendite sul titolo. In tal senso, chi volesse seguire tali indicazioni può implementare una strategia short a 15,60 euro. Con stop che scatterebbe con eventuali recuperi sopra i 16,40 euro, un primo target è individuabile in area 13,90, mentre un secondo in area 12 euro, in corrispondenza dei minimi assoluti del titolo.

Commenti dei Lettori
News Correlate
PARTECIPAZIONI RILEVANTI

Cattolica Assicurazione: Norges Bank scende al 2,968%

Norges Bank è sceso al 2,968% di Cattolica Assicurazione dal precedente 3,001% (relativo al 30 novembre 2016). Lo rileva Consob, nella nota di aggiornamento delle partecipazioni rilevanti delle società quotate in Borsa.

Cattolica Assicurazioni: Norges Bank scende al 2,999% dal precedente 3,066%

Norges Bank ha ridotto l’esposizione nel capitale di Cattolica Assicurazioni, portandola al 2,999% dal precedente 3,066% dell’ultima rilevazione, datata 18 ottobre 2016. L’operazione, riportata da Consob nella nota di aggiornamento delle partecipazioni rilevanti delle società quotate, è datata 29 novembre 2016.

BORSA ITALIANA

Cattolica Assicurazioni: pesa il recesso della jv con Pop. Vicenza, titolo in asta di volatilità

Borsa Italiana ha sospeso le contrattazioni sul titolo Cattolica Assicurazioni per eccesso di ribassi. La perdita teorica delle azioni è di -8,71%. Il titolo passa di mano a 5,51 euro. La compagnia assicuratrice paga pegno sul recesso della joint venture con la Banca Popolare di Vicenza. La partnership era finalizzata alla creazione di una bancassurance. […]

RATING

Cattolica: S&P’s conferma il rating, l’outlook è stabile

Standard & Poor’s oggi ha confermato il rating di Cattolica a “BBB-” e l’outlook stabile. Stabile anche lo stand-alone credit profile (SACP) di Cattolica a “bbb+”, “più elevato -riporta la nota dell’istituto- di due notch rispetto al financial strength rating BBB-, che rimane limitato da quello della Repubblica Italiana, secondo quanto previsto dai criteri dell’agenzia”.