1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Caso Ipi, Segre: “Siamo parte lesa”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’arresto di Danilo Coppola e del suo entourage ha messo in fibrillazione il mondo bancario. Inevitabile per un business come quello immobiliare dove operatori come Coppola sono abituati ad andare a leva: poco, pochissimo il capitale investito nelle compravendite, il resto coperto da ingenti prestiti bancari. Dura la reazione ieri di Franca Bruna Segre, presidente di Banca Intermobiliare e del figlio Massimo, commercialista dell’omonimo studio torinese e indagato nell’inchiesta della procura di Torino in quanto componente del cda della Ipi. “Siamo del tutto estranei a vicende – scrive in una nota – di cui, al contrario, risultiamo essere vittime. Lo studio Segre se saranno confermate le accuse è stato tratto in inganno ed è parte lesa in relazione a quanto contestato dalla magistratura”. Per questo la fondatrice di Bim e Massimo Segre hanno dato mandato agli avvocati, Giuliano Pisapia e Cesare Zaccone di assisterli per la tutela del loro onore e professionalità.