1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Risparmio ›› 

Caro scuola: rincari del 9%, per risparmiare occhio alle offerte promozionali

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le famiglie italiane potrebbero arrivare a spendere ben 92 euro per il ritorno a scuola dei propri figli. Sono le stime di Klikkapromo.it, che ha confrontato i prezzi attuali e quelli dell’anno scorso dei tradizionali prodotti di cartoleria acquistabili nelle 10 catene più importanti della grande distribuzione, che da settembre riempiranno gli zainetti degli studenti tornati sui banchi di scuola.
L’aumento medio, secondo la stima, è del 9% rispetto allo stesso periodo del 2010, ma guardando ai singoli prodotti alcuni articoli subiscono rincari molto più sostanziosi. Il prezzo delle tempere, ad esempio, è lievitato del 53%, con un singolo tubetto arrivato a costare fino a 50 centesimi (contro i 32 dello scorso anno). Aumentano anche matite colorate (+23%), block notes (+16%), penne a sfera (+10%), arrivando a costare in media rispettivamente circa 14 centesimi, 2 euro e 30 centesimi a pezzo. Rincari sotto il 10% anche per quaderni, gomme, pennarelli ed evidenziatori, mentre calano lievemente i prezzi di album, correttori e colle stick, che quest’anno costeranno rispettivamente il 2, il 3 e il 5% in meno, per una spesa di circa 3 euro e 50, 1 euro e 75 centesimi a pezzo. L’unico ribasso degno di nota è quello delle matite hb (le più classiche): -15% nel prezzo medio, cioè dai 26 ai 22 centesimi al pezzo.
Ad un tale livello di prezzi, la spesa media delle famiglie può variare dai 35,80 euro (per coloro che sceglieranno articoli più economici) a 92,96 euro per i genitori più attaccati all’articolo di marca. Una spesa media di 57,22 euro che però si può ridurre del 40% (35 euro) solo stando attenti alle offerte promozionali in corso nelle principali catene di supermercati.