Per Carige niente ricapitalizzazione. Nel 2011 attesi conti in crescita, contesto resta difficile

QUOTAZIONI Bca Carige
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel corso dell’assemblea che ha approvato il bilancio 2010 il management di Banca Carige ha annunciato di non vedere alcuna necessità di aumenti di capitale nel breve termine. L’ipotesi verrà presa in considerazione solo nei prossimi anni, qualora se ne ravvisasse la necessità. Il nuovo Piano Industriale triennale sarà approvato tra maggio e giugno e l’obiettivo di Core Tier 1 ratio si attesterà all’8%, da raggiungere attraverso la conversione del POC 2010-15 e la generazione interna di risorse. Per quanto riguarda i risultati nel 2011 sono attesi in crescita nel 2011 e un leggero miglioramento anno su anno è già emerso dalle risultanze del primo trimestre, ma in un contesto che resterà comunque difficile. Come osserva Luca Comi nel report uscito questa mattina Banca Carige non rivedrà le proprie strategie finanziarie, anche a fronte dei numerosi aumenti di capitale annunciati da banche di medio-grandi dimensioni. “Il Core Tier 1 ratio di gruppo si attestava al 6% a fine 2010”, ricorda l’esperto, segnalando che la conversione del POC 2015 avrebbe un impatto positivo sui
capital ratios per 110 punti base, ma attualmente lo strumento è out-of-the-money.

Commenti dei Lettori
News Correlate
NPL

Carige: via libera a cessione portafoglio NPL di 950 milioni a veicolo

In linea con le iniziative strategiche contenute nell’aggiornamento del Piano 2016 – 2020 approvato lo scorso 28 febbraio, oggi il Cda di Carige ha approvato la cessione, da concludere “in tempi brevi e comunque entro il 30/6/2017”, di un portafoglio…

PARTECIPAZIONI RILEVANTI

Banca Carige: Toscafund AM lima quota a 4,529% (Consob)

Toscafund AM ha ridotto la partecipazione in Banca Carige dal 5,119% (aggiornato al 18 febbraio 2016) al 4,529%. Il comunicato che riporta la notizia è stato diffuso oggi dalla Consob, si riferisce ad un’operazione del 3 marzo scorso.

BANCHE

Carige: Bce dura sul piano 2020, possibile conversione bond subordinati

La Bce ha scelto la linea dura con Banca Carige, l’istituto genovese che ieri ha approvato e sottoposto alla valutazione dell’Eurotower il business plan al 2020. I piani delineati dal management prevedono la completa pulizia del bilancio dalle sofferenze attraverso la cessione delle sofferenze. La risposta di Francoforte è stata laconica. Sono infatti stati imposti […]