1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Carige: 10 i potenziali acquirenti tra cui UniCredit, Banco BPM e BNP Paribas. Quell’alert di Modiano su picco fuga depositi

QUOTAZIONI UnicreditBca CarigeBanco Bpm
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Bloomberg riporta alcune indiscrezioni su Banca Carige, scrivendo in un articolo che la banca genovese, per cui il governo M5S-Lega ha disposto un decreto, è in contatto con 10 acquirenti potenziali, che includono UniCredit, Banco BPM e la francese BNP Paribas.

Si tratta di 10 banche potenzialmente interessate a rilevare l’istituto, a condizione tuttavia che lo stesso riduca il carico dei crediti deteriorati e i costi di rifinanziamento dei debiti.

Tra gli acquirenti potenziali ci sarebbero anche fondi stranieri. I portavoce di UniCredit, Banco BPM e BNP Paribas hanno per ora preferito non commentare le indiscrezioni.

La banca, commissariata la scorsa settimana dalla Bce e gestita ora dai tre commissari straordinari Fabio Innocenzi, Raffaele Lerner e Pietro Modiano, avrebbe intanto secondo la stessa fonte sofferto una fuga depositi che avrebbe raggiunto il suo picco nella giornata di lunedì, 7 gennaio.

La fonte ha però rassicurato che il decreto del governo M5S-Lega – che prevede garanzie per l’emissione di nuovi bond per un valore fino a 3 miliardi di euro – dovrebbe a suo avviso limitare la corsa agli sportelli.

Principalmente, è stato precisato, la fuga dei depositi sarebbe avvenuta per mano dei clienti istituzionali.

Dagospia aveva riportato che lo stesso Pietro Modiano, tra i commissari straordinari di Carige, avrebbe contattato il ministro dell’Economia Giovanni Tria a causa della fuga di clienti “pesanti”, con grandi somme depositate presso la banca.

Così Dagonews:

“D’altronde è la prima volta che la BCE usa i suoi poteri per mettere sotto tutela una banca. Modiano ha quindi dovuto avvertire il governo: occhio che qui si stanno svuotando le casse, molto più rapidamente di quanto si pensasse”. Di qui, la riunione del Consiglio dei Ministri convocata in fretta e furia senza giornalisti né conferenza stampa.