1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Capitalia-Unicredit: si scommette su tempi brevi, per Profumo c’è la carta aumento di capitale

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Finalmente l’ammissione. Ieri sera Capitalia e Unicredit hanno confermato l’esistenza di trattative per valutare un’aggregazione tra le due entità. Gli analisti oramai da giorni avevano preso carta e penna per valutare le possibili sinergie tra le due banche e ora sembra che i tempi per l’accordo potrebbero essere più serrati del previsto. Addirittura l’accordo potrebbe arrivare entro fine maggio secondo le ultime indiscrezioni stampa, e ne sono convinti anche gli esperti di Desdner Kleinwort che mantengono rating “buy” su entrambi i titoli (target price a 8,6 euro per Capitalia e 9 euro per Unicredit). “Un deal che vediamo bene – commentano gli analisti di Dresdner – e riteniamo sia la soluzione domestica più ragionevole per Capitalia”. Adesso come adesso, concludono da Dresdner, comprare azioni Capitalia è il modo più cheap per mettersi in portafoglio azioni Unicredit. La casa d’affari teutonica vede sinergie al 2009 per 1,2 miliardi di euro con un prezzo minimo di 8,5 euro come valutazione di Capitalia prendendo per buoni i rumor che vogliono un concambio a 1.1 azioni Capitalia ogni azione Unicredit. Sinergie meno corpose invece secondo Euromobiliare che prevede 800 di sinergie lorde e pone l’accento sulla possibilità che il gruppo guidato da Alessandro Profumo decida di ricorrere alla carta aumento di capitale (emissione di 1 miliardo di azioni) per poter pagare cash un terzo delle azioni Capitalia. Dalla sim milanese fanno presente come la delega per un aumento di capitale sia già presente.