1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Capitalia: Centrosim, piuttosto improbabile ipotesi di integrazione con Mediobanca

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Lo straniero bussa sempre due volte a Capitalia. Sono sempre più numerosi gli investitori esteri che hanno
acquisito quote dell’istituto della Capitalia. Un tempismo che fa nascere qualche sospetto. “Difficile comprendere se le finalità siano puramente finanziarie, se esista un disegno di consolidamento della posizione degli investitori coinvolti nell’azionariato di Mediobanca e Generali, oppure se prevalgano intenti di natura aggressiva/speculativa”, commentano gli analisti di Centrosim, che confermano la raccomandazione neutral su Capitalia indicando un target price a 7,4 euro. Come se non bastasse oltre all’interesse degli “esteri” proseguono i dibattiti sul presunto scontro al vertice tra Geronzi e Arpe, che rivelerebbe una riconquista della leadership da parte del Presidente, che vanterebbe il sostegno bipartisan della politica, nonché di quello di numerosi azionisti del patto che governa Capitalia. Su questo punto gli esperti di Centrosim ritengono che :”In realtà è probabile che – in assenza di azioni ostili dall’esterno – la convivenza tra Geronzi e Arpe possa serenamente proseguire anche nei prossimi mesi, almeno fino alla scadenza del patto di sindacato”. “L’ipotesi di integrazione Capitalia-Mediobanca – argomentano – appare in questa fase piuttosto improbabile, alla luce della forte opposizione del blocco francese”.