1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Capitalia ancora in volo, bene anche Lottomatica

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sul listino delle 40 blue chip milanesi gli ordini di acquisto si sono nuovamente concentrati su Capitalia, che ha effettuato un balzo superiore al 5% raggiungendo i valori massimi dal lontano ’88, a quota 6,69 euro, spinta sia dalle notizie giunte da Ing, sia dalle nuove scommesse del mercato a livello di possibili fusioni e acquisizioni. Il broker olandese ha ritoccato verso l’alto il prezzo obiettivo, portandolo da 6,4 a 7,2 euro per azione e confermando il rating “buy”. Sull’istituto capitolino, mentre sono ritornate le voci di una possibile aggregazione con Banca Antonveneta, nei giorni scorsi, anche grazie alle parole pronunciate dal presidente di Intesa, Giovanni Bazoli, si era vociferato di un matrimonio con la banca milanese guidata da Corrado Passera. Il denaro, non a caso, ha spinto in avanti anche Intesa, che ha messo a segno un incremento appena superiore al 3%. In evidenza anche la Popolare di Milano (+3,06%), in attesa che giungano i risultati riferiti all’ultimo trimestre del 2006 e Italcementi (+3,45%), che, il giorno dopo i conti finanziari, ha tratto spunto dal giudizio di Cheuvreux. Il broker francese ha alzato il prezzo obiettivo sull’azione da 15 a 19 euro, mentre la raccomandazione è diventata “outperform”. Rialzo di poco superiore ai due punti percentuali per Lottomatica, che in giornata ha annunciato i dati riferiti al 2005, che hanno evidenziato un utile netto oltre 114,2 milioni di euro, in crescita del 33,4% rispetto ai 85,6 milioni di euro dell’esercizio precedente e ricavi consolidati a 582,7 milioni di euro, in leggera diminuzione rispetto ai 585,8 di un anno fa. Il consiglio di amministrazione della società guidata da Rosario Bifulco ha inoltre deliberato di proporre all’assemblea la distribuzione agli azionisti di un dividendo pari a 1,3 euro per azione. Sull’S&P, tra i non numerosi titoli in flessione, si segnala Aem, l’unico con un calo superiore al punto percentuale (-1,24%). Debole anche Saipem, che si è lasciata alle spalle lo 0,88%.