1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Cape Live porta in borsa il private equity di Cape

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La borsa ci riprova con il private equity. Dopo le quotazioni di Management & Capitali e Mid Industry Capital al segmento Mtf di Borsa Italiana, di DeaCapital sull’Mta e lo sbarco al Nyse americano del gigante Blackstone, anche Cape Live, veicolo di investimento promosso da Cimino & Associati Private Equity debutterà il prossimo 19 luglio all’Mtf.


 

Diversi sono però i tratti distintivi presentati oggi alla comunità finanziaria dal management. Innanzitutto Cape Live sarà una società quotata nuova, senza conferimenti di asset pre-esistenti. L’operazione è stata infatti effettuata per il 100% tramite un aumento di capitale. La società sarà contendibile perchè sul mercato giungerà un flottante pari al 52,75% del capitale e i 77 investitori riuniti nel patto di sindacato che hanno provveduto all’aumento di capitale iniziale e che detengono oltre il 42% del capitale potranno esercitare la facoltà di recesso nel caso di Opa. Un’altra particolarità deriva dalla governance. Cape Spa, il mercato e i pattisti disporranno di azioni A ordinarie, mentre il management deterrà azioni B, tracking stocks che prevedono una remunerazione legata ai risultati aziendali pari al 20% del solo utile del settore investimenti diretti.


 


Cape Live si propone di effettuare investimenti in fondi chiusi mobiliari e immobiliari che fanno (o faranno) capo a Cape e investimenti diretti in società non quotate, in fase di pre-Ipo o quotate, italiane o estere, selezionate dal suo management. Come prima attività nel settore Oicr, Cape Live investe nei fondi promossi e gestiti da Cape o dalle sue Sgr controllate (Cape Natixis e Cape Regione Siciliana), quali: Cape Natixis Due, Domani Sereno e Cape Regione Siciliana. Ogni investimento in un fondo Cape non sarà mai superiore al 30% dell’ammontare complessivo del fondo stesso.


 


Cape Natixis Due è un fondo chiuso riservato a investitori istituzionali e qualificati che partirà nei prossimi giorni e che investirà in Pmi non quotate del Nord Italia, prevalentemente in Veneto, Emilia Romagna e Lombardia, con un massimo del 15% investito in società quotate e la possibilità di una piccola quota legata alla Cina. Gli investimenti nelle imprese saranno di minoranza o di maggioranza ma prevederanno la permanenza del management preesistente. Gli investimenti riguarderanno business di successo e si tenterà dunque di preservare le caratteristiche delle aziende.


Cape Regione Siciliana è invece un fondo chiuso riservato ad investitori qualificati che investe in Pmi non quotate con sede legale in Sicilia, mentre Domani Sereno è un fondo immobiliare chiuso riservato a investitori qualificati che investe in beni immobili da concedere in locazione a primarie società nei settori della cura, salute e assistenza degli anziani e a persone non autosufficienti e che assumerà partecipazioni anche di controllo in società immobiliari. Gli investitori avranno quindi l’opportunità di sedersi al tavolo degli istituzionali garantendosi l’accesso a investimenti riservati e la diversificazione del rischio fornita dall’investimento in 3 fondi diversi.


 


Rispetto ad altre esperienze in borsa del private equity nostrano Cape Live potrà inoltre contare sull’intensa operatività del gruppo Cape. Dal 1999 a oggi il gruppo Cape ha realizzato 33 acquisizioni di partecipazioni, per un controvalore investito di 113 milioni di euro, 5 operazioni di vendita parziale di partecipazioni, tra cui 3 Ipo (Trevisan Cometal, Arkimedica e Screen Service) e 9 vendite integrali di partecipazioni per un tasso interno di rendimento (Irr) composto annuo lordo del 62,7%, pari a circa 3 volte i mezzi investiti. Dalla data dell’entrata nell’orbita di Cape a oggi Trevisan Cometal ha offerto alla società un Irr del 57%, Arkimedica del 91,4% e Screen Service del 91,4%.


 


L’offerta ha avuto inizio oggi e terminerà il 13 luglio. L’inizio delle negoziazioni è previsto per il 19 luglio. Il prezzo di offerta è già stato fissato a 1,05 euro. Il collocamento permetterà di raccogliere 24 milioni da destinare a nuovi progetti.