Cambi: Salcioli, gli hedge fund guidano il rialzo dell'euro

Inviato da Redazione il Mer, 20/10/2004 - 12:50
Euro decisamente tonico anche oggi nei confronti del dollaro. La moneta europea veleggia infatti a quota 1,2587, in rialzo di circa mezzo punto percentuale nei confronti del precedente fixing. "Questo movimento dell'euro dollaro è il risultato di alcune determinanti, la più importante delle quali è di carattere tecnico" ha commentato Gianmarco Salcioli di CitiFx (Citigroup). "I fondi speculativi, in assenza di grande attività degli investitori istituzionali, hanno iniziato a forzare al rialzo (e quindi vendendo dollari) le barriere tecniche che delimitavano il trading range nel quale l'euro/dollaro si è mosso negli ultimi mesi, mettendo in crisi tutti coloro che, scommettendo nella continuazione del movimento laterale, avevano venduto volatilità. Questi ultimi hanno cercato di tenere il cambio entro il range ma non è stato possibile". Questo tipo di operazioni hanno comunque bisogno di un humus macroeconomico per nascere e svilupparsi. "In questo caso-continua Salcioli- fanno da sponda gli alti prezzi del petrolio, che non creano aspettative di forti rialzi dei tassi Fed (Citigroup prevede un altro aumento da 0,25 a settembre e poi nulla fino ad anno nuovo, ndr). In Europa, inoltre, un euro forte non è così malvisto dalla Bce perché compensa in parte l'aumento del prezzo dell'oro nero (che si paga in dollari, ndr). Anche la rielezione di George W Bush ha il suo peso, perché è associata al mantenimento di forti disavanzi di bilancio, che deprimono la valuta locale. Penso comunque-conclude Salcioli- che fino alle elezioni l'euro non dovrebbe salire oltre al soglia di 1,264 contro dollaro. Poi si vedrà".
COMMENTA LA NOTIZIA