1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Cambi: Jamaleh, nel breve yen rischia di restare sotto pressione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Yen sotto la lente di Asmara Jamaleh, esperta dei mercati valutari di Intesa-SanPaolo. “Si è da tempo atteso un aggiustamento dello yen, che finora è avvenuto solo in parte e a tratti. La ragione principale resta forse sin troppo semplice per risultare convincente, anche perchè non è una novità, e risiede nel livello dei tassi”, dice l’esperta. “Nonostante infatti la Bank of Japan abbia abbandonato la ZIRP quest’anno, il tasso d’intervento è stato portato solo a 0,25% e poi lasciato lì”. Dunque: “in un contesto internazionale di tassi in aumento è normale che il differenziale stia ancora giocando a sfavore della divisa nipponica”, continua l’esperta. E nel breve cosa aspettarsi? “Per l’inizio dell’anno, quanto più dilazionato sarà il primo rialzo BoJ tanto più a lungo lo yen rischia di restare sotto pressione”, risponde nella nota uscita oggi e raccolta da Finanza.com Asmara Jamaleh. “Questo vale più contro euro che contro dollaro: infatti la BCE non ha ancora terminato il proprio ciclo di restrizione monetaria, mentre sul fronte Fed il mercato incorpora già tagli dei tassi”. Quindi “il downside dello yen contro dollaro non dovrebbe estendersi oltre 120 dollari/ yen, laddove in cross con l’euro si configura il rischio di nuovi minimi record di yen tra 158 e 160 euro/ yen, da interpretarsi come sviluppo transitorio e opportunità di ingresso”, suggerisce l’esperta.