Cambi: Jamaleh, euro alla prova dell'IFO oggi

Inviato da Redazione il Gio, 24/11/2005 - 10:09
Euro che delusione! Come riconosce Asmara Jamaleh, esperta dei mercati valutari di Banca Intesa, la moneta dei Dodici non riesce a fornire segnali validi di recupero indotto da spunti di forza propria. "Ieri infatti, dopo il rimbalzo scattato sui verbali FOMC, ha fallito il tentativo di sfondamento della resistenza di 1,1860 euro/ dollaro, livello significativo perché precedente minimo estivo del 2005 e perché intersezione con un'importante linea di trend di lungo termine in formazione dalla primavera del 2004", ricorda la Jamaleh nella nota uscita oggi e raccolta da Finanza.com. "La difficoltà dell'euro a portarsi oltre quota 1,18 in un momento di ripensamento del dollaro testimonia ancora una volta una forma di debolezza intrinseca della divisa europea", aggiunge. Cosa aspettarsi quindi dall'euro nel breve? "Per quanto il cambio possa nel brevissimo termine registrare ulteriori progressi, soprattutto in presenza di dati europei che sorprendano in positivo, i rischi verso il basso rimangono, almeno fino a 1,1955-95 il fronte ribassista rimane in auge", risponde nella nota uscita oggi e raccolta da Finanza.com. "Oggi un buon test per l'euro si avrà sulla pubblicazione dell'IFO. Se il cambio non riuscirà a registrare nuovi massimi oltre quelli degli ultimi giorni in area 1,18 nemmeno in caso di un'eventuale sorpresa positiva sull'IFO questo sarà da cogliersi come una conferma di debolezza dell'euro, che nel breve lo lascia esposto a replicare ed eventualmente mettere alla prova i minimi recenti in area 1,16".
COMMENTA LA NOTIZIA