Cambi: Jamaleh, il biglietto verde rimane orientato verso l'alto

Inviato da Redazione il Mar, 19/07/2005 - 09:13
"Il dollaro ha aperto la settimana consolidando sostanzialmente i livelli di chiusura di venerdì". Esordisce così Asmara Jamaleh, economista sui mercati valutari per Banca Intesa, nel check up sul biglietto verde questa mattina. "I dati sugli acquisti netti di attività finanziarie sono stati positivi con un aumento da 47 a 60 miliardi di dollari, ma pienamente nelle attese, impedendo così al dollaro di avanzare ulteriormente", spiega nel report raccolto da Finanza.com. Cosa aspettarsi? "In attesa delle testimonianza di Greenspan di domani, che verosimilmente dipingerà in modo piuttosto ottimistico il quadro dell'economia USA, il biglietto verde rimane orientato verso l'alto", risponde nella nota Asmara Jamaleh. "L'euro dall'altra parte non dà segnali di ripresa. Ieri in attesa del dato Usa, aveva anticipato un calo portandosi fino a 1,2020 euro/ dollaro, ma poi aveva recuperato quota", aggiunge ancora. "Tuttavia non è riuscito nemmeno ad affacciarsi a quota 1,2100, sintomo questo di persistente assenza di spunti di forza propria. Questa mattina è scivolato di nuovo, fino al supporto di 1,2000 che per ora ha tenuto. Ma le premesse sono per una rottura a breve di tale livello. Una sorpresa positiva dallo ZEW potrebbe rinviare tale evento, ma di ben poco. Rimbalzi fino a 1,2120-70 sono da considerarsi di scarso respiro e da utilizzarsi come occasioni per puntare verso nuovi obiettivi ribassisti sotto 1,2000".
COMMENTA LA NOTIZIA