C. Beauchamp: Gas Naturale, le importazioni asiatiche potrebbero sostenere i prezzi

Inviato da Luca Fiore il Ven, 22/07/2011 - 19:39
Settimana con il segno meno per le quotazioni del Cotone, che con un rosso di tre punti percentuali sono scese in quota 98,2 centesimi la balla. Come rileva Jana Pristovsek nel Commodities Update di IG Markets "gli analisti si aspettano che la domanda globale di Cotone scenda fino al 30% entro la fine dell'anno, aggravando la caduta dei prezzi". Ed attenzione anche alle notizie in arrivo dall'India, il secondo produttore mondiale. L'output del subcontinente potrebbe far segnare un record per il secondo anno consecutivo.

Settimana invece a due velocità per il Gas Naturale. Dopo una prima parte in positivo, le quotazioni hanno ritracciato i guadagni in seguito alla diffusione dei dati relativi le scorte a stelle e strisce, salite più delle attese. Il saldo settimanale registra un saldo negativo superiore ai 2 punti percentuali a 4,4 dollari per milione di Btu (British thermal units).

Indicazioni bullish sono invece arrivate dai dati relativi le importazioni dall'Asia che secondo Christopher Beauchamp di IG Markets potrebbero condizionare i prezzi nei prossimi mesi. "Se i dati sulle importazioni relativi il mese di giugno dovessero ripetersi anche nel resto dell'anno, i prezzi dei gas naturale potrebbero beneficiarne", ha dichiarato l'analista.

Acquisti infine sul palladio, spinto al rialzo dall'oro sopra i 1.600 dollari e dai dati sulle scorte, che orfane dell'apporto della Russia (primo produttore mondiale) rappresentano un sostegno per i prezzi. Secondo Beauchamp "i dati sulle importazioni giapponesi e statunitensi, lo sciopero dei minatori sudafricani e la ripresa della domanda cinese potrebbero spingere al rialzo il Palladio nel resto dell'anno".
COMMENTA LA NOTIZIA