C. Beauchamp: la Bank of England è pronta a seguire la Fed

Inviato da Luca Fiore il Mar, 12/10/2010 - 16:14
Euro in calo a 1,3820 dollari in attesa dei verbali dell'ultima riunione del Federal Open Markets Committee (Fomc), il braccio operativo della Federal Reserve. Come rileva Christopher Beauchamp di IG Markets "i verbali forniranno informazioni circa le dimensioni potenziali degli acquisti di asset che possono essere effettuati dalla banca centrale americana".

Secondo BNP Paribas i recenti commenti del presidente della Fed di St Louis, James Bullard, e del vice presidente Janet Yellen, indicano che il nuovo round di acquisti di asset targato Fed dovrebbe attestarsi nella parte bassa delle attese degli analisti.

Il biglietto verde guadagna terreno anche contro la sterlina, nonostante i dati pubblicati oggi e relativi l'inflazione abbiano mostrato una crescita dei prezzi al 3,1%, decisamente maggiore del target della Bank of England. Il cable in questo momento scambia a 1,5797, lo 0,5% in meno rispetto al dato precedente.

La debolezza della moneta d'Oltremanica è attribuibile alle dichiarazioni rilasciate da David Miles, membro del Comitato di politica monetaria. Miles ha sottolineato che gli stimoli monetari non dovranno essere ritirati troppo presto, poiché "l'economia non è ancora in una fase di ripresa normale". Miles ha poi definito il quantitative easing "un potente strumento" che la Bank of England "potrebbe ancora utilizzare". A questo punto, rileva Beauchamp, "gli investitori prevedono che una ripresa del QE negli Stati Uniti porterebbe il Regno Unito a seguire la stessa politica".

E chiudiamo con il dollaro/yen, che dopo un minimo a 81,720 toccato poco fa in questo momento scende dello 0,6% a 81,810. Dopo un recupero in corrispondenza della parole del Ministro delle finanze giapponese Noda, che ha dichiarato che se necessario saranno prese nuove misure per frenare il superyen, l'incrocio è tornato verso i minimi da 15 anni.

COMMENTA LA NOTIZIA