Buzzi, i supporti a 7,87 euro sono saltati

Inviato da Riccardo Designori il Mar, 02/08/2011 - 12:26
Quotazione: BUZZI UNICEM
Mattinata all'insegna della marcata debolezza per Buzzi, trascinata al ribasso dalla cattiva intonazione del Ftse Mib nonostante i risultati della controllata Dyckerhoff siano stati in linea con le attese degli analisti e il mix geografico abbia mostrato una compensazione tra la debolezza nel mercato Usa e l'andamento in Lussemburgo. Le azioni della società piemontese pagano dazio anche alle indicazioni tecniche di vendita generate ieri: la fine di giornata di contrattazione ha infatti visto il titolo scivolare sotto i cruciali supporti statici posti in prossimità dei 7,87 euro. La soglia menzionata aveva fornito un valido sostegno alle quotazioni in occasione dei minimi intraday del 10 gennaio e del 21 e 28 luglio. A questo punto non vi sono più ostacoli prima dei low del 31 agosto 2010, giorno in cui le azioni registrarono un valore di 7 euro. Ad accrescere la visione vi è anche la constatazione del completamento di un pattern grafico denominato engulfing bearish costruito con le candele del 29 luglio e dell'1 agosto. L'unico appiglio potrebbe giungere dal transito in prossimità dei 7,32 euro della trendline ascendente di lungo periodo ottenuta con i minimi crescenti del 6 marzo 2009 e del 31 agosto 2010. Partendo da queste considerazioni è quindi possibile posizionarsi in vendita a 7,85 euro. Con stop in caso di ritorno delle quotazioni sopra 8,45 euro, il primo target è a 7,40 euro e il secondo a 7,10 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA