1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Bund, il pull back è servito

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il calo dei mercati azionari non si sta traducendo in un contestuale balzo delle quotazioni del Bund, solo in frazionale rialzo rispetto ai valori di chiusura di ieri. A favorire questa situazione vi potrebbero essere degli elementi di carattere tecnico. Il decennale tedesco lo scorso 10 ottobre ha violato al ribasso i supporti statici posti in area 135. La rottura del livello menzionato ha permesso il completamento di una tipica figura di inversione del movimento ascendente che ne aveva contraddistinto l’andamento da metà aprile. Dopo una prima gamba ribassista culminata con il minimo di periodo dello scorso 17 ottobre a 132,94, low che ha trovato sostegno nei supporti dinamici offerti dalla trendline ascendente di lungo periodo tracciata con i minimi dell’11 aprile e dell’1 luglio, il rimbalzo in atto ha permesso alle quotazioni del titolo di Stato tedesco di portare a termine il classico pull back grafico. E’ quindi possibile intraprendere o incrementare le posizioni short in essere. Ad avvalorare questo scenario, oltre al completamento del ritracciamento della trendline ascendente di breve disegnata con i minimi dell’1 e del 29 settembre, il transito tra 135,35 e 135,66 delle resistenze dinamiche offerte sul grafico daily delle medie mobili a 14 e 55 periodi. In base alle considerazioni sviluppate nell’analisi, ingressi short a 135,45 prevedono lo stop in caso di nuovi allunghi a 139 mentre hanno come target intermedio 132,45 e finale a 130,55.