Bulgari: analisti, la speculazione e’ una scusa per rientrare sul titolo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Bulgari è argomento caldo oggi a Piazza Affari. Sul mercato sono tornate a girare le voci di un possibile interesse per la società del lusso da parte dei francesi di Ppr, che ieri ha emesso un bond convertibile per 800 milioni di euro. Un’ipotesi che non è proprio nuova, come ricordano gli analisti interpellati a Finanza.com, e che serve a far tornare un po’ appeal sull’azione. “Bulgari non è un multibrand come Ppr o Swacth”, esordisce un analista di una primaria casa d’affari che ha una view positiva sul titolo, giustificando così la speculazione. “Inoltre considerando che i due azionisti principali sono anziani, il mercato ha iniziato a speculare da tempo sul fatto che LVMH, Richemont, Ppr o Swatch possano fare un’offerta per comprarsela”, aggiunge. Dal dire al fare però come insegna anche la saggezza popolare il passo non è breve. “Bisogna vedere se Ppr ha le risorse per fare un deal e in questo momento la priorità di questa società è di riscadenzare il debito”, continua un altro esperto di una merchant bank, ricordando che Ppr ha tra l’altro già un marchio di gioielli e che “potrebbe decidere di puntare più in alto, su Bulgari”. Ad ogni modo in attesa di sviluppi gli esperti ritengono che questo rumor permette a Bulgari di recuperare terreno perduto. “L’azione è stata tra i titoli che hanno perso di più durante la correzione di maggio e dato il notevole upside adesso si sta riprendendo”, dice l’esperto della prima casa d’affari. Più cauto il secondo analista secondo cui Bulgari è una storia di valore, ma meglio aspettare le indicazioni che arriveranno il prossimo 27 luglio quando la società renderà noti i dati delle vendite.