Bulgari: l'ad Trapani guarda avanti, ma non vede acquisizioni

Inviato da Redazione il Lun, 10/10/2005 - 08:23
Quotazione: BULGARI
Il calo dell'utile di Bulgari, attribuito all'anticipo sulle spese promozionali, non preoccupa l'amministratore delegato della casa romana e neanche il mercato, che premia il titolo con un bel consenso. Le vendite della casa del lusso si muovono bene quest'anno e solo gli orologi sono praticamente rimasti al palo mentre accessori e profumi hanno fatto registrare rispettivamente balzi del +34,6% e del +22%. Forte di un gruppo che nel 2004 ha raggiunto un fatturato di 827,7 milioni di euro, l'amministratore delegato Francesco Trapani ha deciso di affrontare sfide nuove e pericolose e, per evitare equivoci, ha precisato che non si tratterà di acquisizioni: "Non rientrano nelle nostre priorità e l'esperienza di altri grandi nomi del settore ci ha insegnato che è facile rimanere scottati. Però quando intravvediamo la possibilità di una sinergia intelligente, non ci tiriamo certo indietro. Per esempio, abbiamo rilevato una partecipazione del 50% di una piccola società svizzera, la Cadrans Design, che ci fornisce una bella competenza nell'orologeria. Volendo potenziare gli accessori, stiamo pensando di acquistare una fabbrica di pelletteria che ci permetterà un controllo diretto della qualità".
COMMENTA LA NOTIZIA