1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Buffett su Bitcoin: è un miraggio. “Puntate piuttosto sui prodotti indicizzati”

Investire, ha ripetuto più volte l’oracolo di Omaha, “non deve essere qualcosa di complicato. E in effetti, il modo più semplice per investire i vostri soldi e metterli da parte…”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Altro che Bitcoin. In tempi come questi è decisamente meglio puntare sui prodotti indicizzati. E’ il consiglio di Warren Buffett, che fin dal 2014 ha definito il Bitcoin un semplice “miraggio”. E non importa che ora per molti questo miraggio sia diventato realtà, visto che le quotazioni sono volate ben oltre $19.000 (si immagini il guadagno di chi aveva acquistato la valuta digitale quando valeva solo pochi centesimi di dollaro).

Investire, ha ripetuto più volte Buffett, “non deve essere qualcosa di complicato. E in effetti, il modo più semplice per investire i vostri soldi e metterli da parte per la pensione è sorprendentemente semplice: fateli crescere in un prodotto indicizzato a basso costo, come il Vanguard 500 Index Fund“.

L’oracolo di Omaha è chiaro: “Acquistate un prodotto indicizzato sullo S&P 500. Credo che sia la cosa che abbia più senso“.

I prodotti indicizzati replicano ogni azione appartenente a un indice come quello dello S&P 500, incluse quelle dei colossi del calibro di Apple, Microsoft e Google.  I fondi sono noti per essere altamente diversificati, si confermano relativamente costanti e riescono a sventare quei rischi che potrebbero emergere in una strategia di stock picking, che si basa sulla scelta di singoli titoli.

Inoltre, fattore da non sottovalutare, i costi di questi strumenti finanziari sono davvero bassi. Il principale prodotto indicizzato che replica lo S&P 500, ovvero il Vanguard’s 500 Index, è caratterizzato da un expense ratio inferiore all’1%.

E, come fa notare Buffett: “i costi hanno molta importanza negli investimenti. Se i ritorni saranno del 7-8% e voi state pagando l’1% di commissioni starete facendo una differenza enorme su quanti soldi finirete con l’avere quando andrete in pensione“.

Da segnalare che, tra le principali differenze tra i prodotti indicizzati e gli ETF, si mette in luce quella che vede i primi strumenti finanziari non quotati in Borsa, a differenza dei secondi.  I costi di gestione sono simili, ma i prodotti indicizzati non implicano il sostenimento di costi per le transazioni di acquisti e vendite.