Bsi: "Aumenta la propensione all'investimento azionario negli Usa"

Inviato da Redazione il Lun, 17/10/2005 - 16:56
Gli investitori statunitensi, passato l'effetto degli uragani, starebbero aumentando la loro propensione al rischio misurata dall'interesse per l'azionario. E' quanto emerge dalla nota di inizio settimana di Bsi, che raccoglie le indicazioni provenienti da due distinte indagini. "Recenti dati su indicatori di sentiment (Risk Aversion Index di
Goldman Sachs e Investor Confidence Index di State Street) - si legge nel report - suggeriscono
una propensione al rischio in leggerissimo miglioramento
negli Usa. Il RAI, sul nostro campione,
si è recentemente collocato più vicino "che mai" alla zona di
risk loving. Questo spiega la buona performance di vari
mercati emergenti, come pure i forti deflussi americani verso
la borsa giapponese, entrambi veicoli d'investimento più
rischiosi di quelli domestici". Segnali che gli analisti della banca del gruppo Generali vedono confermati dall'Investor Confidence, che fa riferimento alla composizione
dei portafogli istituzionali ed è scomposto in aree di mercato. Gli investitori nord-americani, secondo tale indagine, sarebbero infatti i più
ottimisti a livello mondiale.
COMMENTA LA NOTIZIA