1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Brilla Luxottica, continua la corsa dei petroliferi

QUOTAZIONI Luxottica Group
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Protagonisti in positivo della sessione sul listino delle 40 blue chip milanesi sono stati ancora una volta i titoli del comparto petrolifero, Saipem e Eni, che hanno beneficiato del buon andamento del comparto di riferimento, in attesa della riunione dei ministri dell’Opec. Lo scettro di migliore azione dell’S&P/Mib è andato a Luxottica, che ha già fatto scattare il conto alla rovescia sui conti di bilancio dell’ultimo trimestre del 2005, che saranno resi noti il 31 gennaio, a mercato chiuso. Tra le performance migliori si sono messe in luce anche Seat Pagine Gialle, Finmeccanica e Fondiaria-Sai. Bene Pirelli, che mostra di dividere sempre di più le proprie sorti da quelle della “sorella” Telecom Italia. Segno più anche per Fiat, che nel corso della seduta ha alzato il sipario sui conti dell’ultimo trimestre dell’anno scorso. Tra le importanti novità, quella che la divisione Fiat Auto è passata in utile a livello di gestione ordinaria, dopo diciassette trimestri di rosso e ha fatto segnare un valore pari a 21 milioni di euro, in miglioramento di 177 milioni di euro rispetto al quarto trimestre del 2004. A livello di gruppo, il Lingotto ha riportato un risultato operativo pari a 2.215 milioni di euro, rispetto alla perdita di 585 milioni di euro del 2004, mentre l’utile netto ha raggiunto i 1.420 milioni di euro, contro la perdita di 1.579 milioni di euro che aveva caratterizzato il 2004. Tra le performance meno incoraggianti si segnalano quelle di ST Microelectronics e Mediobanca. Deboli anche gli energetici e Snam Rete Gas in modo particolare. Gli analisti di Credit Suisse First Boston hanno fatto sapere di preferire Autostrade, bollata con “outperform” e prezzo obiettivo a 23,3 euro, Autostrada Torino-Milano (“outperform”, con target a 20,9 euro) e Sias (“outperform”, con target a 12,9 euro) rispetto a Snam Rete Gas (“underperform”, tp a 3,3 euro) e Terna, il cui giudizio è stato abbassato a “underperform” da “neutral”, mentre il prezzo obiettivo è stato individuato a 2 euro tondi tondi.