I Bric all'attacco del dollaro: serve un sistema monetario più diversificato

Inviato da Redazione il Mer, 17/06/2009 - 08:27
Ekaterinburg "epicentro della politica mondiale". Il presidente russo Dmitrij Medvedev con queste parole vuole far capire al mondo occidentale l'importanza del summit tenutosi nella capitale degli Urali tra le quattro maggiori potenze emergenti, il cosiddetto gruppo Bric (Brasile, Russia,India, Cina). Paesi che chiedono una maggiore diversificazione del sistema valutario internazionale. Insieme detengono 2.800 miliardi di riserve denominate per lo più in dollari, la sola Cina detiene 763,5 mld di dollari in titoli del Tesoro americano. Le conclusioni del vertice auspicano un sistema monetario internazionale stabile, prevedibile e più diversificato. Quindi un ruolo meno preponderante per il biglietto verde. Al termine del vertice di ieri, i leader dei 4 paesi hanno poi sottolineato la necessità di dare più voce e rappresentanza ai paesi emergenti all'interno delle organizzazioni finanziarie internazionali.
COMMENTA LA NOTIZIA