1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Brexit: su fronte economico primi veri effetti visibili tra qualche trimestre (analisti)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La macchina della Brexit, ossia l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, è stata ufficialmente messa in moto. Con la lettera consegnata oggi all’Unione europea il Regno Unito ha fatto ufficialmente richiesta d’uscita dalla Ue, appellandosi all’articolo 50 del Trattato di Lisbona. La richiesta firmata dal premier britannico, Theresa May, pone così le base l’avvio dei negoziati tra Ue e il Regno Unito. Ma quali sono le possibili ripercussioni a livello economico?

Secondo Vincenzo Longo, market strategist di IG, “i primi veri effetti della Brexit saranno visibili tra qualche trimestre. Il giorno che tutti stavano aspettando è finalmente arrivato e alle imprese restano ormai solo 2 anni per decidere come cambiare i propri piani industriali e investimenti. Non è molto se consideriamo che il comparto finanziario, quello più interessato, dovrà richiedere ed ottenere le licenze delle varie autorità regolamentari dei Paesi che li ospiteranno in futuro, un processo questo non privo di ostacoli e molto lungo”.

Longo ricorda inoltre che sarà “arduo anche il compito della Bank of England che dovrà riuscire a combinare insieme le prospettive economiche deboli con un’accelerazione dell’inflazione, causata dal deprezzamento della sterlina. Senza contare poi che il forte calo dei salari reali, dovuto all’accelerazione dei prezzi, potrebbe penalizzare ulteriormente i consumi nei prossimi trimestri”. Il quadro rimane complicato e, a secondo IG, nel medio-lungo periodo la sterlina rimane ancora soggetta a un forte deprezzamento, con i minimi visti nel flash crash di ottobre che saranno destinati ad essere rivisti.