Brent: quotazioni salgono ai massimi da cinque mesi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ancora una seduta con il segno più per le quotazioni del Brent. All’ICE il petrolio del Mare del Nord mette a segno la settima seduta consecutiva con il segno più portando il saldo dell’ultimo mese al +5,4%. Le quotazioni capitalizzano le tensioni in arrivo dal Nord Africa e la nuova immissione di liquidità annunciata ieri sera dalla Federal Reserve. Per quanto riguarda il fronte geopolitico, i manifestanti hanno attaccato le ambasciate statunitensi in Yemen ed Egitto e focolai di protesta si registrano anche in Tunisia, Marocco e Kuwait. Attualmente un barile di greggio con consegna novembre è scambiato a 117,37 dollari, l’1,3% in più rispetto al dato precedente e livello massimo da cinque mesi.