Brembo, ok cda a fusione di Bibielle S.p.A. in Brembo S.p.A.

QUOTAZIONI Brembo
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il consiglio di amministrazione di Brembo ha approvato il progetto di fusione per incorporazione della società Bibielle S.p.A. in Brembo S.p.A., che già deteneva il 100% del suo capitale sociale. Il progetto, come si apprende da una nota deel’azienda che produce impianti frenanti, è stato approvato in un’ottica di semplificazione della struttura societaria del gruppo ed è legato alla realizzazione di economie di scala produttive e gestionali.

Commenti dei Lettori
Dal Forum
News Correlate
BORSA ITALIANA

Piazza Affari fa fatica: vendite su Ferragamo ed Enel, Saipem in testa

Mattinata archiviata in ribasso per le maggiori piazze azionarie europee, con l’eccezione di Francoforte. Protagonista assoluto della mattinata il dato Pmi su manifattura e servizi per l’area euro, la cui stima flash è salita ancora a 56,8 punti dai …

BORSA ITALIANA

Brembo: analisti contrastati su valutazioni dopo conti 2016, titolo debole in Borsa

Nel 2016 Brembo ha registrato risultati economici da capogiro, con una crescita in doppia cifra degli aggregati operativi, anche a fronte di una riduzione del giro d’affari. “Questi elementi sono la dimostrazione dell`efficienza operativa raggiunta dall’azienda”, sottolinea Equita Sim in un report diffuso questa mattina. Gli analisti della casa d’affari milanese hanno alzato la valutazione […]

BILANCI

Brembo: balzo dell’utile nel 2016, cedola a 1 euro

Brembo ha chiuso l’esercizio 2016 con un fatturato in crescita del 9,9% a 2.279,1 milioni di euro e un utile netto di 240,6 milioni, +30,8%. L’indebitamento netto al 31 dicembre 2016 è pari a 195,7 milioni, in peggioramento di 35 milioni rispetto al 31 dicembre 2015 per via dei investimenti (260,7 milioni netti) realizzati nel […]

CORPORATE GOVERNANCE

Brembo: Riccardo Cesarini lascia l’azienda

Brembo ha emesso una nota per annunciare che Riccardo Cesarini, dopo oltre 16 anni di attività nel ruolo di Direttore di Performance Group, a partire dal 1 marzo 2017 lascerà l’azienda. L’addio è dettato dalla volontà, riporta il comunicato, di “perseguire nuove sfide professionali”. “La piena continuità in termini di strategia di business e di […]