Bpu-Lombarda: Auletta, maggiore remunerazione agli azionisti e taglio costi alla clientela

Inviato da Titta Ferraro il Ven, 02/03/2007 - 08:43
La fusione tra Bpu e Banca Lombarda genererà sinergie per 360 milioni di euro al 2010. "La nostra intenzione è quella di destinare questo valore aggiunto sia per una maggiore remunerazione degli azionisti sia al miglioramento delle condizioni dei servizi offerti alla clientela". Alla vigilia delle assemblee di Bpu e Banca Lombarda, chiamate ad approvare il progetto di integrazione, Giampiero Auletta Armenise - amministratore delegato di Bpu, che ieri ha annunciato il bilancio 2006 con utile netto in crescita del 27% - delinea le caratteristiche di quella che sarà la quarta banca italiana per numero di sportelli. "Ai clienti - prosegue Auletta - vogliamo destinare nel medio periodo parte dei vantaggi della fusione che ci permetterà di ridurre il cost/income del 5% con un mix di minori costi (225 milioni) e maggiori ricavi (140 milioni). L'obiettivo finale è crescere in competitività e incrementare le nostre quote di mercato". Relativamente al costo dei conti correnti, Auletta ha rimarcato come una recente ricerca di Oliver Wyman evidenzia che nel 2006 il costo dei conti correnti di Bpu sia inferiore del 10-20% alla media dei principali concorrenti.
COMMENTA LA NOTIZIA