Bpm: insieme a Confindustria Alto Milanese per lo sviluppo del territorio

Inviato da Flavia Scarano il Ven, 21/02/2014 - 15:33
Banca Popolare di Milano (Bpm) e Confindustria Alto Milanese hanno siglato oggi un accordo dedicato alle imprese associate volto a sostenere lo sviluppo produttivo, l'innovazione e l'internazionalizzazione. E' quanto si legge in una nota della banca meneghina. Con questo accordo, Bpm mette a disposizione delle imprese un plafond di 100 milioni di euro a condizioni particolarmente favorevoli sia per finanziamenti ordinari sia per poter realizzare progetti di investimento in macchinari, impianti, nuova occupazione e riqualificazione professionale, ricerca e sviluppo - anche in collaborazione con partner scientifici -, costituzione di contratti di rete e operazioni aziendali straordinarie quali fusioni ed acquisizioni.

Per sostenere i programmi di internazionalizzazione, consapevole della loro valenza strategica, Banca Popolare di Milano propone finanziamenti a tassi vantaggiosi, correlati a quelli della raccolta realizzata con l'emissione di un bond territoriale da 10 milioni di euro, collocato nell'Alto Milanese, consentendo in tal modo la restituzione delle risorse al tessuto produttivo locale.

Per il presidente del consiglio di gestione del Gruppo Bpm Mario Anolli, con questa iniziativa: "vogliamo consolidare il nostro ruolo di banca di riferimento per le aziende che operano nei territori di radicamento storico, seguendo la tradizione di Banca di Legnano che, infatti, qui ha aperto il primo sportello nel 1887 e da allora si è sempre caratterizzata per lo stretto rapporto con l'Alto Milanese. Per tale motivo, Banca Popolare di Milano mette a disposizione importanti risorse in collaborazione con le Associazioni imprenditoriali locali, come già avvenuto con la firma dei precedenti accordi con Confindustria Monza e Brianza e Confindustria Alessandria".
COMMENTA LA NOTIZIA