Bpm corre a Piazza Affari, per Equita è la candidata ideale per un’aggregazione tra popolari

QUOTAZIONI Bca Pop Milano
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Brilla Banca Popolare di Milano (Bpm) a Piazza Affari. Il titolo della banca meneghina svetta sul Ftse Mib con un rialzo del 3,26% a 0,5215 euro. Le azioni beneficiano della promozione giunta questa mattina da parte degli analisti di Equita, che hanno rivisto al rialzo la raccomandazione sul titolo Bpm portandolo a buy dal precedente neutral. La Sim milanese ha alzato anche il target price a 0,64 euro da 0,50 euro. “Alziamo rating e prezzo obiettivo incorporando un costo del capitale inferiore, da 10,3% a 8,7%, dopo la nomina del nuovo management e il probabile aumento appeal speculativo post Asset Quality Review”, spiegano da Equita.

“Il consolidamento fra le popolari potrebbe anticipare la fine dell’Asset Quality Review della Bce a novembre, come dimostrato dall’intensificazione dei contatti fra Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca”, scrivono gli esperti, secondo cui l’istituto di Piazza Meda è il candidato ideale per un’aggregazione nel settore, grazie all’ampia base di capitale con un core Tier 1 ratio Basilea III dopo l’aumento di capitale superiore al 10% e al franchise concentrato in Lombardia.

A questi prezzi il titolo non incorpora scenari speculativi, dato che tratta con un prezzo/tangible equity a sconto del 10% rispetto ai concorrenti (0,6 volte contro 0,7 volte), in linea con la media di lungo periodo, nonostante un Rote (ossia un ritorno sul capitale impiegato) simile (5% nel 2015) e un core Tier 1 ratio adeguato (10% post aumento di capitale e rimozione degli add-ons)”, spiega il broker. Per Equita, i rischi derivanti dall’Asset Quality Review e dagli stress test risultano inferiori alla media grazie al coverage più alto (33% rispetto alla media delle banche popolari pari al 26-30%) e al core Tier 1 ratio già al 10%.

Il rischio di esecuzione, spiegano gli analisti, potrebbe derivare dalla ritardata rimozione degli add-ons che ridurrebbero il core Tier 1 ratio all’8,5% contro l’8% richiesto dall’Asset Quality Review. “Non ci attendiamo modifiche di governance price sensitive, ma a questi prezzi le aspettative del mercato sono pari a zero. L’overhang dell’aumento di capitale da chiudere a maggio/giugno – proseguono gli esperti – dovrebbe essere già incorporato e comunque inferiore alla media delle popolari (aumento di capitale pari a circa il 30% della capitalizzazione di mercato)”.

Commenti dei Lettori
News Correlate

Popolare Milano, scatta sospensione per eccesso di ribasso (-4,9%)

Sospensione per eccesso di ribasso per la Popolare di Milano dopo uno scambiato a 0,3801 euro, in calo di quasi 5 punti percentuali. L’azione ha scambiato fino ad adesso oltre 104 milioni di pezzi, volumi importanti anche in considerazione del periodo natalizio.

Popolare Milano sospesa al ribasso: -4,5%

Sospensione per eccesso di ribasso per il titolo Banca Popolare di Milano dopo uno scambiato a 0,2805 euro, in contrazione di circa 4 punti percentuali e mezzo.

TRIMESTRALI ITALIA

BPM: utile normalizzato di 184,4 milioni al 30 settembre, Cet1 all’11,59%

La Banca Popolare di Milano ha chiuso i primi nove mesi dell’anno con un utile di 88,1 milioni di euro, -56,4% rispetto a un anno prima. Al netto delle componenti non ricorrenti (tra cui principalmente l’onere relativo al nuovo fondo di solidarietà, pari a 165 milioni), il risultato netto è stato pari a 184,4 milioni […]

CORPORATE GOVERNANCE

BPM: dimissioni di un consigliere di gestione

Giorgio Girelli ha comunicato le proprie dimissioni dalla carica di componente del Consiglio di Gestione della Banca Popolare di Milano. Girelli ha inoltre rassegnato le dimissioni dalla carica di Presidente del Consiglio di amministrazione della controllata ProFamily.

BANCHE ITALIA

Banco Popolare-Bpm: via libera di Bankitalia alla fusione

Nell’ambito del progetto di fusione tra il Banco Popolare e la Banca Popolare di Milano, oggi la Banca d’Italia, “considerato l’esito dell’istruttoria condotta dalla stessa e l’assenza di obiezioni da parte della Banca Centrale Europea”, ha rilasciato l’autorizzazione alla fusione. È quanto si legge in una nota diffusa dai due istituti.