Bpm: la cedola trimestrale sui company preferred securities non sarà pagata

Inviato da Flavia Scarano il Mer, 05/12/2012 - 08:51
Il Consiglio di Gestione di Banca Popolare di Milano e il Consiglio di amministrazione di Banca di Legnano hanno approvato il progetto di fusione per l'incorporazione di Bdl in Bpm. Il Consiglio di Gestione ha inoltre deliberato di non procedere al pagamento della cedola trimestrale sui 8,393% Noncumulative Perpetual Company Preferred Securities Bpm emessi da Capital I alla prossima data di pagamento prevista per il 2 gennaio 2013; di conseguenza non saranno pagati gli interessi neppure sui 8,393% Noncumulative Perpetual Trust Preferred Securities emessi da Bpm Capital Trust I. La sospensione "è stata deliberata -si legge nella nota dell'istituto milanese- in coerenza con le decisioni assunte in precedenza di sospendere il pagamento delle cedole annuali per i titoli Tier 1 in quanto il bilancio d'esercizio di Bpm al 31 Dicembre 2011 si è chiuso con una perdita di 505 milioni e nessun dividendo è stato pagato sulle azioni ordinarie di Bpm durante i 12 mesi precedenti alle rispettive date di pagamento".
COMMENTA LA NOTIZIA