Bpm: Bonomi al 3,43% tra azioni e diritti d’opzione dopo aumento di capitale

QUOTAZIONI Bca Pop Milano
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Andrea Bonomi, numero uno di Investindustrial IV e presidente del consiglio di gestione della Popolare di Milano, è salito al 3,43% dell’istituto di piazza Meda tra azioni e diritti d’opzione. Investindustrial si impegna a comunicare “volontariamente e regolarmente al mercato le azioni e i diritti di opzione di Popolare di Milano detenuti da esso o da società da esso direttamente o indirettamente controllate”, si legge in una nota.

Commenti dei Lettori
News Correlate

Popolare Milano, scatta sospensione per eccesso di ribasso (-4,9%)

Sospensione per eccesso di ribasso per la Popolare di Milano dopo uno scambiato a 0,3801 euro, in calo di quasi 5 punti percentuali. L’azione ha scambiato fino ad adesso oltre 104 milioni di pezzi, volumi importanti anche in considerazione del periodo natalizio.

Popolare Milano sospesa al ribasso: -4,5%

Sospensione per eccesso di ribasso per il titolo Banca Popolare di Milano dopo uno scambiato a 0,2805 euro, in contrazione di circa 4 punti percentuali e mezzo.

TRIMESTRALI ITALIA

BPM: utile normalizzato di 184,4 milioni al 30 settembre, Cet1 all’11,59%

La Banca Popolare di Milano ha chiuso i primi nove mesi dell’anno con un utile di 88,1 milioni di euro, -56,4% rispetto a un anno prima. Al netto delle componenti non ricorrenti (tra cui principalmente l’onere relativo al nuovo fondo di solidarietà, pari a 165 milioni), il risultato netto è stato pari a 184,4 milioni […]

CORPORATE GOVERNANCE

BPM: dimissioni di un consigliere di gestione

Giorgio Girelli ha comunicato le proprie dimissioni dalla carica di componente del Consiglio di Gestione della Banca Popolare di Milano. Girelli ha inoltre rassegnato le dimissioni dalla carica di Presidente del Consiglio di amministrazione della controllata ProFamily.

BANCHE ITALIA

Banco Popolare-Bpm: via libera di Bankitalia alla fusione

Nell’ambito del progetto di fusione tra il Banco Popolare e la Banca Popolare di Milano, oggi la Banca d’Italia, “considerato l’esito dell’istruttoria condotta dalla stessa e l’assenza di obiezioni da parte della Banca Centrale Europea”, ha rilasciato l’autorizzazione alla fusione. È quanto si legge in una nota diffusa dai due istituti.