1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Bper, Associazione azionisti per lo sviluppo stila la lista delle cose da cambiare – 2

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel corso dell’incontro l’associazione degli azionisti della Bper ha evidenziato alcune necessità “fondamentali” per l’istituto finanziario: quella di un piano industriale “che individui il punto di arrivo del processo di crescita, dettando priorità e compatibilità per le future acquisizioni”; quella di un ribaricentramento delle attività della Banca Popolare dell’Emilia Romagna “nel territorio che l’ha vista nascere”, “per evitare ulteriori e inutili sprechi, sia in termini di personale, sia in termini economici”; la necessità di dotarsi di una governance moderna “attraverso regole comportamentali volte ad assicurare l’autonomia di giudizio dei singoli consiglieri di amministrazione, limitandone gli incarichi in istituti legati alla banca, e la durata di questi ultimi; e, peraltro di istituire, come in tutti i principali istituti bancari italiani, un consiglio di sorveglianza e un consiglio di gestione”. E’ stata altresì sottolineata la “assoluta esigenza” di uscire dal mercato Expandi, giudicato “poco liquido e inadeguatamente trasparente per quotare la banca sul mercato principale aprendola al mondo anziché rinchiuderla in uno sterile provincialismo”.