FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sono giorni cruciali per il futuro di British Petroleum. Nei primi scambi alla Borsa di Londra, il titolo del colosso britannico cede l’1,51% a 423,5 pence. Ieri però si è verificato il crollo più significativo: -15% a Wall Street e oltre 17 miliardi di dollari di capitalizzazione andati in fumo. A spingere sempre più giù le quotazioni, oltre all’ennesimo tentativo fallito di bloccare la marea nera nel Golfo del Messico, anche la notizia di un’inchiesta penale avviata dal governo di Washington.